Chrome
Il Piave in Italia e nel mondo - www.ilpiave.it
Martedì 23 Gennaio 2018, 8:33



registrati
  • HOME
  • ARGOMENTI
  • AREA PERSONALE
  • DOWNLOAD
  • INVIA ARTICOLO
  • TOP 10
News dal mondo dello sport Ricordando il grande Cassius Clay

di Emilio Del Bel Belluz

A 40 anni dal meraviglioso incontro disputato a Kinshasa nello Zaire contro il detentore del titolo mondiale dei pesi massimi Geroge Foreman, ho cercato di ricostruire quel clima così bello di allora.



Io ero un ragazzo di quindici anni che ammirava la grandezza di un pugile come Clay, il campione che a Roma aveva stupito il mondo conquistando il titolo olimpico nel 1960 nella categoria dei mediomassimi. Anno importante il 60, anche per l’Italia vincitrice di tre ori olimpici con il peso massimo Franco De Piccoli, con Nino Benvenuti e con un grande pugile come Musso. Cassius Clay, nel frattempo, aveva conquistato nel mondo dello sport tutto e perso quel titolo mondiale che aveva strappato all’orso Sonny Liston e vissuto in maniera forte e ribelle le vicende della guerra del Vietnam che non condivideva e per la quale non aveva voluto indossare la divisa militare americana. Accadde quindi che gli vietarono di combattere ma non di possedere una forza interiore che nessuno gli avrebbe mai tolto, specialmente nei momenti bui. Forza rimarcata in alcune parole scritte in un libro assieme alla figlia con l’anima di una farfalla dove diceva che “da giovane iniziai per provare a me stesso ed al mondo intero che avrei potuto ottenere tutto ciò che volevo veramente. Questo era qualcosa che avrei dovuto continuare a fare ancora e ancora. Questo era il Clay che il 30 ottobre del 1974 monopolizzava il mondo dello sport e non solo riempiendo i giornali delle sue foto e delle meravigliose parole che esprimevano la possibilità e la volontà di infliggere una dura sconfitta a Foreman che era il campione. George Foreman era un campione che aveva umiliato la bestia nera di Clay ovvero il carro armato Fraizer che si era scontrato con Clay per tre volte vincendone uno, vincendolo. Foreman aveva in quel mese di ottobre la certezza che avrebbe punito Clay alla stessa maniera in cui aveva sconfitto Joe Fraizer. Allora ero un ragazzo di quindici anni con nel sangue una sola parola, la passione per la boxe. In quel mese di ottobre del 1974 mi privai di qualsiasi piccola cosa per investire ogni mio sforzo nell’acquisto di quotidiani dove si parlasse dell’incontro. La stampa era stregata da questo evento, la gente credeva a Clay, soprattutto la gente povera che vedeva in lui il riscatto da una vita di stenti. Il Congo dove si svolgeva l’incontro era un paese povero che ritrovava assieme la forza e la voglia di vivere. Lo stesso provavo io nelle vecchia osteria di mio padre parlando con le persone euforico ma impaurito che quell’incontro avrebbe punito il labbro di Louisville. Credo che in quei giorni si fosse dimenticato ogni problema collegato al vivere quotidiano. Proprio tutto quello che poteva portare contorno alla vita. Venne il giorno dell’incontro, trasmesso in diretta televisiva molto tardi. Passai la notte a vegliare, camminai per il paese nella paura di farmi sorprendere dal sonno, andai a vedere la vecchia Livenza e sentirne i profumi della notte. Chi segue il fiume sa che di notte muta, la nebbia lo accoglie, l’acqua di notte assume una purezza diversa, come si purificasse per offrirsi al mattiniero primo pescatore. I riflessi della luna sull’acqua cambiavano il suo colore, come si cambia la vita. Quella notte Clay fu il pugile più amato dalle folle ma anche l’uomo più solo del mondo, il più disperato ma l’esempio a cui tutti avrebbero voluto tendere. L’episodio quando da ragazzo gli rubarono la bicicletta, momento dal quale cambiò la sua vita e divenne un pugile per reazione e forza di volontà, rimane un segno del destino. La sua forza interiore, quella forza capace di farlo arrivare a raggiungere traguardi incredibili, sarebbe diventata esempio per milioni di giovani di tutti i colori sparso in tutti gli angoli della terra. Quelli che lo amavano si aspettavano che la sua favola sarebbe finita davanti a George. Quella notte milioni di persone assistettero invece al miracolo pugilistico di Clay, all’ottava ripresa mise al tappeto il suo avversario. Crollato George il mondo abbracciava un pugile che sarebbe diventato una leggenda e che ora, a settantadue anni, muto nel dolore che la malattia gli ha messo addosso, ancora una volta ha battuto il suo avversario e non si è piegato davanti alle avversità e agli ostacoli. A quaranta anni con affetto grazie di quella notte in cui tutti ci siamo sentiti più forti ed in cui tutti ci siamo rialzatati da terra, felici d’aver vissuto un sogno.

(testo raccolto e impaginato da norman zoia)

Pubblicato da piave in data Mercoledì, 29 ottobre 2014
News dal mondo dello sportULTIME
  • Rossi: è polemica dopo il contatto con Marquez
  • Colombiane Rotelle di Marca
  • 1^ Marcia dei Porton
  • Haute Route Dolomiti - Alpi Svizzere 2015
  • Quando un pugno è racconto e preghiera
  • Wonder Italian Show
  • Calciando da rugbisti... in erba
  • Ricordando il grande Cassius Clay
  • Modugno e Mandras, Omaggio a Carnera
Argomenti associati

Notizie dal Mondo

0 Commenti | LOGIN / REGISTRAZIONE
Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, Registrati

Titolo:


Commento:


I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. La redazione non è responsabile per il loro contenuto.
Bookmark and Share
crownI PIU' LETTI DEL MESEcrown
technibat
ULTIMI COMMENTI
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
starI PIU' LETTI
News dal mondo dello sport
  1. LO SCUDETTO ALLA JUVENTUS. SARÀ VERA GLORIA?
  2. TANIA CAGNOTTO PREMIATA DOMENICA A JESOLO (VE)
  3. VOLLEY: LIETO FINE PER IL CASO PAVAN
  4. MONDIALI DI KARATE a CIPRO, Oro per la Trevigiana Piccolo
  5. Record mondiale 100m
  6. IL VOLLEY POOL PIAVE HA UN NUOVO GRUPPO DI CAMPIONESSE
  7. 23ª Venicemarathon tutta al femminile
  8. MISS TREVISO MARATHON, A MONASTIER TRIONFA UNA PADOVANA
  9. Intervista esclusiva al pugile Paolo Vidoz
  10. LE RAGAZZE DELL'OMEGA SAN DONA DI PIAVE PRONTE… PER IL CALENDARIO

IL PIAVE IN ITALIA E NEL MONDO - redazione.ilpiave@libero.it


Copyright 1974-2011 © Il Piave su tutti i contenuti - All Rights Reserved



Generazione pagina: 0.31 Secondi