Chrome
Il Piave in Italia e nel mondo - www.ilpiave.it
Mercoledì 28 Giugno 2017, 12:38



registrati
  • HOME
  • ARGOMENTI
  • AREA PERSONALE
  • DOWNLOAD
  • INVIA ARTICOLO
  • TOP 10
Notizie, Backstage, Anteprime La distribuzione cinematografica in Italia

di Francesco Notarangelo. Negli ultimi anni si è assistito ad un nuovo metodo di pensare al mondo del cinema. Grazie all'avvento del web 2.0 e di una squadra di manager agguerrita il mercato è cambiato drasticamente

 



Tutti possono conoscere ed apprezzare i trucchi del mestiere, scoprire i suoi misteri ed eliminare i confini che da sempre lo circondano. Così la pellicola cinematografica è diventata un prodotto su cui è necessario sviluppare una campagna non solo di promozione, ma anche di posizionamento verso un nuovo target: il pubblico cinematografico. Nella nostra epoca è fondamentale, quindi, pensare di rendere il linguaggio cinematografico il più trasversale ed adattabile possibile col fine di staccarsi dalla mentalità provinciale che tende ad enfatizzarsi solo in merito al product placement e ad un suo utlizzo più ragionato (vedi: Benvenuti al Sud con il placement, principe, de le Poste Italiane). La distribuzione cinematografica è quella fase tra chi i film li fa e chi li rende accessibili al pubblico e si sa che, senza l'appoggio economico di una casa di distribuzione, un film difficilmente vedrà la luce. Ma perchè così tanti film indipendenti, d'essai, trovano una scarsa distribuzione e troppo spesso si è ingolfati da pellicole sempre tutte uguali con sempre gli stessi autori/attori? Semplicemente perché, come per la televisione, per il mondo del cinema si è sviluppata una sorta di duopolio, costituito dalle due maggiori società televisive: l'una, la Rai/01 Distribution, ente statale, l'altra Mediaset/Medusa, commerciale. È interessante soffermarsi sul caso della Medusa Film Spa. Nata nel 1995 ha conquistato in pochi anni di attività posizioni di vertice nel panorama cinematografico italiano, sia direttamente che attraverso le sue controllate. La linea editoriale di Medusa si focalizza su produzioni italiane con un sicuro richiamo sul pubblico, annoverando nomi come Gabriele Muccino, Ferzan Ozpetek, Roberto Benigni. Accanto alla produzione nazionale vanno annoverati poi i blockbuster hollywoodiani, dalla trilogia de “Il Signore degli Anelli” a quelli con attori come Richard Gere e Robert De Niro che, negli ultimi anni, hanno permesso alla Medusa Film di confermare il proprio primato nella classifica dei distributori. Infine, nel caso della Medusa Film, ci si trova di fronte ad un esempio di integrazione verticale su tutti gli anelli. L'impresa, infatti, passa dalla produzione ed il finanziamento dei film all'acquisizione dei diritti per il mercato primario e secondario, televisione compresa; ha inoltre una struttura distributiva, possiede una società che si occupa dell'Home Video per la grande distribuzione oltre a gestire direttamente un circuito di sale ubicate nelle principali città italiane. Notoriamente, poi, è legata ad una televisione nazionale, se pur in questo punto l'integrazione non si può definire completa, dato che l'unico azionista della Medusa è la Fininvest Spa, che ricopre parte del network Mediaset. Il cinema indipendente è quel tipo di cinema a cui si associano termini quali amatoriale, sperimentale, opera prima, film di nicchia, senza nomi noti o garanzie di successo. Anche nel caso si riesca a trovare un produttore disponibile a rischiare del capitale, la prima porta a cui bussare è comunque la distribuzione, senza il cui supporto di copertura finanziaria, pubblicitaria e commerciale, il film di fatto resta invisibile, e con una buona possibilità di non recuperare i costi di produzione. Tuttavia con internet la circolazione dei prodotti indipendenti ha avuto uno sviluppo incredibile, talvolta riuscendo ad arrivare al grande pubblico, senza passare per le sale cinematografiche; gli esempi di siti web votati ad una distribuzione in tale senso, sia essa gratuita o a pagamento, sono innumerevoli: YouTube, ad esempio. Il cinema indipendente, poi, non ha mai trovato spazio nella distribuzione su larga scala, nemmeno a seguito di premiazioni a festival o riconoscimenti internazionali. E come sarebbe possibile in un mercato ingolfato come il nostro, dove l'asse Rai-Mediaset e le majors hanno bloccato all'ingresso qualsiasi concorrente? Ed ancor peggio, i soldi investiti anche dallo stato per le produzioni italiane ricadono in tali clichè, ed omologazioni di genere da aver anestetizzato anche il gusto del pubblico, impigrito dall'eventualità di leggere sottotitoli, e che si accontenta del format audiovisivo imposto dai maggiori canali televisivi. Negli ultimi anni, però, qualcosa sta cambiando, specialmente nelle majors statunitensi, che si stanno aprendo al mercato indipendente o acquisendo distribuzioni indipendenti o creando sezioni o filiali apposite al loro interno, come Warner Indipendent Pictures, Paramount Vantage. Inoltre, molti attori hollywoodiani sono attratti da questo tipo di progetti. Eternal Sunshine of the Spotless Mind o Donnie Darko sono il risultato di questa sofferta, meritoria ricerca di cambiamento e qualità. Il primo è un film che, pur portando l'etichetta indipendente, vanta un cast ed un budget da blockbuster; il secondo, invece, anche se con una gestazione più lunga sul piano distributivo, conferma che questa è la via da seguire. Mentre in Italia, produzione e distribuzione non escono dagli standard tecnici dei film per la televisione (musiche, metraggio, linguaggio cinematografico), con la conseguenza di disperdere i pochi autori del cinema italiano che si discostano da questi parametri, il cinema americano e il web ci indicano che altre sono le vie da percorrere.

Pubblicato da piave in data Giovedì, 03 marzo 2011
Notizie, Backstage, AnteprimeULTIME
  • Carta Bianca per 3 storie nere
  • In esclusiva il Film su Youtube "Sulle Orme della Grande Guerra" nel 95° anniversario
  • IL MINISTRO PASSERA PREMIA VIVIANA CARLET E IL LAGO FILM FEST
  • La sesta edizione del Festival di Roma
  • In ricordo di Mauro Curreri, giovane regista assassinato
  • La distribuzione cinematografica in Italia
  • ANTENNACINEMA PROIETTA IL DRAMMA DEGLI ARMENI
  • Bondi stronca la Mostra del Cinema: Tarantino è elitario e snob. Sulla giuria deciderò io
  • POKER DI PELLICOLE ALL'APERTO
0 Commenti | LOGIN / REGISTRAZIONE
Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, Registrati

Titolo:


Commento:


I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. La redazione non è responsabile per il loro contenuto.
Bookmark and Share
crownI PIU' LETTI DEL MESEcrown
technibat
ULTIMI COMMENTI
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
  • Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk.com] Coach Outlet Online [www.coachoutletstoreinuk. ...
starI PIU' LETTI
Notizie, Backstage, Anteprime
  1. Schwarzenegger e Stallone insieme in The Expendables
  2. Jasmine Trinca a Pordenone
  3. BUD SPENCER COMPIE 80 ANNI
  4. Un film su Primo Carnera nel centenario della nascita
  5. “EX”, PROIEZIONE AL CRISTALLO DI ODERZO CON I JALISSE
  6. DISNEY SIGLA l'ACCORDO PER I SEQUEL DELLE CRONACHE DI NARNIA
  7. In esclusiva il Film su Youtube "Sulle Orme della Grande Guerra" nel 95° anniversario
  8. Il Dolce e l'Amaro: un racconto di mafia e redenzione
  9. VIVALDI E ANGELINA JOLIE, VENEZIA PROTAGONISTA
  10. QUENTIN TARANTINO STRONCA IL CINEMA ITALIANO: UNA VERA TRAGEDIA

IL PIAVE IN ITALIA E NEL MONDO - redazione.ilpiave@libero.it


Copyright 1974-2011 © Il Piave su tutti i contenuti - All Rights Reserved



Generazione pagina: 0.33 Secondi